Total White: quali errori vanno evitati?

Carta da parati moderna: ecco sei motivi per sceglierla
31 Agosto, 2020

Total White: quali errori vanno evitati?

C’è qualcosa su cui non si può discutere: il bianco è un colore che dona alla propria casa un aspetto luminoso e fresco, inondandola di luce. 

È anche per questo, infatti, che sono in tanti a scegliere questa tinta per la propria abitazione, seguendo una tradizione classica che sembra non deludere mai: ma quali aspetti nasconde la scelta di questo colore? 

Innanzitutto, non possiamo identificare il bianco come un macro colore unico: come ogni tinta, nasconde numerose sfumature e variazioni, che costituiscono colori che seppur simili mostrano differenze e tonalità diverse. Si può parlare infatti di bianco gesso, bianco perla, bianco sporco e non solo: se a primo impatto appaiono simili, in realtà producono effetti e intensità totalmente diverse se accostati con altri colori.

È per questo che bisogna far attenzione a quale bianco scegliere: a seconda dei propri gusti, ma anche a seconda dell’arredamento della casa e dal risultato che vogliamo ottenere, sarà necessario studiare bene il colore che andremo a scegliere.

Decisa la tonalità, poi, bisognerà mantenerla anche attraverso gli arredamenti: unire nella stessa stanza dei bianchi diversi può causare un effetto tutt’altro che uniforme e in un certo senso antiestetico. Per questo motivo sarebbe consigliabile scegliere un tavolo, un armadio o un letto il più simile al colore del bianco delle pareti, che andranno in questo modo a generare un effetto omogeneo e luminoso.

C’è, poi, il rischio che un colore così freddo porti alla casa un senso di ‘mancata personalità’, che rende l’ambiente asettico. Per evitare questo pericolo, si potrà giocare con gli stili: affiancamenti di ogni genere possono apportare un tocco di fantasia che renderà la casa sempre più accogliente e moderna.

Perché e come arredare le stanze di bianco?

Come abbiamo già detto, il bianco è il colore che in assoluto porta più luce agli interni: sarà come avere sempre una finestra aperta al sole. Ma non è solo questo.

Si tratta infatti di un colore che oltre alla luminosità, ha la capacità di trasmettere tranquillità e di aumentare la percezione di ampiezza delle stanze. Vantaggi, questi, che portano molte persone a desiderare il total white in diverse stanze della propria abitazione, e non solo in salotto.

Camera da letto, bagno e cucina hanno visto negli anni anche la loro trasformazione in bianco, andando così a costituire una trasformazione decisamente moderna anche nelle case più vecchie. Il total white infatti rappresenta un’eleganza degli interni difficile da equiparare, che riesce a coniugare luminosità e semplicità.

Inoltre, dipingere le proprie pareti e scegliere un arredamento bianco, non significa escludere a prescindere qualche altro colore: uno spezzato può aiutare la percezione di coloro che non sono ancora sicuri di fare un passo completo verso il total white: sempre mantenendo le pareti e gli oggetti più grandi in tonalità bianca, si potrà introdurre qualche oggetto di un altro colore – come dei cuscini o dei vasi – per riempire gli spazi. 

E, infine, le risorse che abbiamo sono più numerose di quello che si pensa: il legno rappresenta uno dei materiali più indicati per un arredamento ‘white’. È infatti il materiale che più ammorbidisce il bianco: ce lo insegna il design scandinavo. O, invece, il parquet posato a spina ungherese – come i migliori appartamenti parigini – darà alla vostra casa un tocco di classe imperdibile. 

Se vuoi saperne di più, non esitare a contattarci!

 

Ph.: Pexels