Bonus casa 2023: novità, proroghe e caratteristiche generali

Nuovo anno, nuovi trend di arredamento: le tendenze nel design di interni 2023
3 Gennaio, 2023

I bonus casa sono agevolazioni fiscali che lo Stato mette a disposizione dei cittadini per incentivare gli interventi di ristrutturazione, riqualificazione energetica e adozione di sistemi antisismici delle abitazioni. Questi bonus possono essere richiesti sia da privati che da imprese edili e possono comportare un notevole risparmio sui costi degli interventi. Andiamo ad esplorare in dettaglio i bonus che sono stati confermati anche per il 2023.

Ecobonus 2023

L’Ecobonus è una detrazione fiscale messa a disposizione dei cittadini per migliorare le prestazioni energetiche delle proprie abitazioni. In base alla tipologia dei lavori da effettuare le percentuali di detrazione possono essere o del 50% o del 65%. Anche per il 2023 il bonus è stato confermato con le stesse modalità.

I lavori detraibili al 65% sono:

  • Interventi di riqualificazione globale come il rifacimento del tetto;
  • Interventi sugli involucri degli edifici come il cappotto;
  • La sostituzione degli impianti tradizionali con impianti più efficienti come ad esempio l’impianto a pompa di calore;
  • L’installazione di pannelli solari.

I lavori detraibili al 50% sono:

  • La sostituzione di infissi e schermature solari;
  • La sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con caldaie a condensazione in classe A.

Oltre che con la detrazione IRPEF, l’Ecobonus si può richiedere tramite cessione del credito o con lo sconto in fattura.

Dell’Ecobonus fa parte anche il Bonus Domotica, di cui è possibile beneficiare per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2024 per incentivare gli interventi di efficienza energetica e domotica nell’edilizia. La detrazione è pari al 50% delle spese per l’acquisto e l’installazione di sistemi di automazione per la gestione dell’energia, delle tapparelle, degli impianti di sicurezza, dell’illuminazione e della climatizzazione, dei sistemi di allarme e di videosorveglianza.

L’impianto domotico permette di ottimizzare, grazie all’automatizzazione, le prestazioni di tutti gli impianti domestici garantendo allo stesso tempo di limitare sprechi e consumi; la conseguenza è un notevole risparmio sulla bolletta di luce e gas. Per un risparmio maggiore è sempre consigliata la scelta del fornitore di luce e gas più adatto alle proprie esigenze di consumo. Se non sai come fare ecco una guida per leggere la bolletta e capire quali sono i tuoi reali consumi.
Inoltre per utilizzare al meglio l’impianto domotico, soprattutto se si vuole utilizzare il controllo da remoto, è fondamentale avere una delle migliori offerte mobile del 2023 soprattutto per quanto riguarda i giga.

Bonus ristrutturazione e Bonus mobili 2023

Per quanto riguarda il Bonus ristrutturazioni questo è stato confermato fino al 31 dicembre 2024, sempre con una detrazione fiscale del 50% per lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria e lavori di ristrutturazione edilizia su case residenziali, quindi non per quegli immobili che hanno ad esempio una destinazione d’uso commerciale. La spesa massima detraibile resta di 96 mila euro, restituibili in 10 rate annuali. 

Collegato al Bonus ristrutturazioni troviamo il Bonus mobili, che prevede una detrazione fiscale del 50% per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici ad alta efficienza energetica destinati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione. Il tetto di spesa detraibile è sceso però a 5.000 euro.

Superbonus 2023

Anche il Superbonus è stato riconfermato per il 2023, ma con delle modifiche, prima tra tutte la percentuale di detrazione scesa al 90%. È stato inoltre introdotto un limite legato al reddito familiare: per richiedere il bonus infatti il reddito complessivo non dovrà superare i 15 mila euro. Infine potranno richiedere questo bonus solo i proprietari dell’immobile, non potranno farlo ad esempio gli affittuari.

Altra novità è che l’abitazione su cui si effettuano i lavori deve essere una prima casa e inoltre i lavori di ristrutturazione dovranno migliorare l’immobile di almeno due classi energetiche.