Scelta profili doccia: quale fa per te?

Rivestire le pareti con la pietra: come funziona e perché vanno di moda?
13 Ottobre, 2021
Termoarredo: a cosa serve e i principali design
10 Novembre, 2021

Per molti, la doccia è sinonimo di relax.

È la sveglia mattutina per chi, di fretta, deve andare al lavoro, ed anche il momento rigenerante a fine serata.

Ma non solo: non si può tralasciare, inoltre, la sua importanza estetica, che si pone l’obiettivo di rendere il vostro bagno ancora più moderno e funzionale. 

Tante, dunque, le sue caratteristiche: è per questo che quando si compie una scelta su quale tipologia di doccia introdurre nella propria abitazione, vanno tenuti in considerazione diversi dettagli, affinché si possano trovare risposte adatte alle proprie esigenze.

 La migliore cabina doccia, dunque, sarà quella che più si sposa con le proprie necessità e con lo stile del bagno: è bene considerare che si tratta di un complemento che si utilizza quotidianamente e che di conseguenza dovrà inserirsi perfettamente a quello che è il vostro stile di vita.

In una minuziosa analisi, anche il profilo doccia meriterà la sua attenzione. Questo prezioso componente del bagno, infatti, non deve solo svolgere correttamente la propria funzione, ma apparire ugualmente impeccabile dal punto di vista estetico. 

Quali sono i materiali più adatti?

In un’area doccia, prima della diffusione dei profili, lo spazio laterale creato dalla pendenza della pavimentazione verso lo scarico, veniva creato da una sezione di piastrelle tagliate con precisione, sebbene tutto ciò non favorisse i tempi di installazione, spesso stretti e frenetici.

Oggi, in tempi più moderni, i profili doccia permettono di eliminare il processo di taglio della piastrella essendo posizionati in sostituzione a quest’ultima.

Ma quali sono i materiali più adatti per la realizzazione di questi elementi?

A risponderci sono le stime sui materiali dei principali accessori e profili applicati in un bagno moderno, che senza dubbio riversano sull’alluminio e l’acciaio (senza dubbio i più diffusi).  

Entrambi i materiali, nonostante si presentino come due tipologie completamente differenti, hanno un grande pregio in comune, ovvero quello di resistere bene agli urti, alla ruggine e all’acqua: caratteristiche fondamentali quando si parla di un box doccia, che verrà quotidianamente utilizzato. 

L’acciaio, estremamente resistente a flussi d’acqua continui e alla corrosione, è il materiale principale per i profili doccia essendo soggetto a costante stato di umidità.

Decisamente più elastico e malleabile dell’alluminio ma al contempo robusto, l’acciaio inox può essere trattato con finiture di diverso tipo anche se con alcune limitazioni di finitura.

Questi vincoli estetici non riguardano l’alluminio anodizzato perché risulta molto facile da decorare grazie a tecniche differenti e di gran valore estetico, risulta inoltre il più diffuso negli ultimi anni in quanto più personalizzabile, nelle forme e nei colori.

È anch’esso resistente all’acqua, al processo di corrosione e non viene attaccato dalla ruggine, ciò ne garantisce l’applicabilità in aree umide e soggette a continuo flusso d’acqua.