Le fasi della posa di pavimenti piastrellati

Sanitari sospesi: vantaggi e svantaggi.
Marzo 12, 2019
Le fasi di una ristrutturazione di un bagno
Aprile 17, 2019
Sei in ristrutturazione ed è arrivato il momento di pensare ai pavimenti. Tieni sempre presente che in una casa il pavimento è arredamento ed è quindi di fondamentale importanza saperlo scegliere tenendo presente il contesto, il budget e l’uso che se ne vuole fare, ma soprattutto bisogna saperlo posare nella maniera più corretta e precisa possibile. In questo articoletto troverai qualche informazione su quali siano le fasi da seguire per posare un pavimento di piastrelle. Partendo dall’inizio… Dopo circa un mese dalla realizzazione degli impianti (idraulico, elettrico ed eventualmente di aspirazione) e dal fissaggio a parete di corpi ad incasso come miscelatori a parete o cassette wc; in seguito al fissaggio e copertura dei tubi che corrono sul pavimento con malta cementizia e alla stesura degli intonaci sulle pareti, avrà luogo la prima fase: 1) la realizzazione del sottofondo, lo strato che ingloba le tubazioni. 2) Segue poi la seconda fase con alcune differenze in base al tipo di impianto di riscaldamento scelto: se si è optato per l’impianto di riscaldamento a pavimento avremo infatti: a) la posa della barriera a vapore per isolare il massetto dalle infiltrazioni; b) la posa dei pannelli e dei tubi radianti; c) la realizzazione del massetto cementizio per proteggere i tubi dell’impianto; d) il montaggio dei serramenti per permettere al massetto di asciugarsi; e) lo shock termico, con l’accensione del riscaldamento per 20 giorni a 20° circa. se invece si è optato per il riscaldamento a termosifoni avremo: a) il posizionamento di un materassino che funga da separatore fra sottofondo e massetto; b) la realizzazione del massetto cementizio per proteggere i tubi dell’impianto; c) il montaggio dei serramenti per permettere al massetto di asciugarsi completamente. 3) Terza e ultima fase è poi la posa che avrà inizio 20 giorni dopo la realizzazione del massetto (se come in questo caso si sta facendo/rifacendo il pavimento da zero) o dopo essersi assicurati che il fondo sia perfettamente liscio e piano perché la posa risulti ottimale.
  1. In entrambi i casi il primo step prevede la preparazione del sottofondo che consiste in una profonda pulizia, per l’eliminazione di polvere e altri elementi disturbanti, nel controllare se esistono o meno dislivelli e crepe da correggere con stucco livellante liscio (principalmente nel caso di posa su pavimento preesistente).
  2. Si passa poi alla posa vera e propria delle piastrelle che può essere in parallelo o in diagonale e in un primo momento avviene a secco per avere un’idea del risultato e solo una volta soddisfatti con la colla.
  3. Giunti a questo punto non resta che stendere la colla mista acqua per uno spessore di 5-10 mm aiutandosi con cazzuola e spatola dentata per distribuirla omogeneamente e
  4. posare le piastrelle una ad una premendole con una leggera torsione sulla colla e picchiettandole con un martello di gomma. Per mantenere la stessa distanza tra una piastrella e l’altra da non dimenticare poi i distanziatori a croce che verranno tolti prima di applicare lo stucco nelle fughe.
  5. Taglia poi le piastrelle per i bordi della stanza con la tagliapiastrelle o con una pinza per piastrelle nel caso in cui il taglio debba essere rotondo.
  6. In ultimo elimina i residui di colla, aspetta che si asciughi completamente (circa 24h), riempi le fughe con la malta e dopo l’asciugatura
  7. lava il pavimento per eliminare residui di malta, vernice e materiali vari.
Naturalmente le piastrelle di cui stiamo parlando possono avere forme e dimensioni di ogni genere. Per capire meglio di cosa parliamo leggi anche “Pavimenti di grandi formati: il trend del momento” Non dimentichiamo poi la varietà di materiali dal grès porcellanato ( per saperne di più: Grès porcellanato, ecco perché sceglierlo) al marmo (La bellezza del marmo e dell’effetto marmorizzato) alla ceramica e non solo. Quasi sicuramente non sarai tu a dover eseguire il lavoro proprio perché sembra facile a dirsi ma a farsi necessita la mano di un professionista, però adesso sei consapevole di come verranno posate le piastrelle dei tuoi ambienti.