Che cos’è un impianto di riscaldamento a pavimento? 

Rifacimento facciate
Rifacimento facciate e lavori di manutenzione: come scegliere le giuste soluzioni.
8 Giugno, 2020
Box doccia: come si pulisce?
15 Luglio, 2020

Che cos’è un impianto di riscaldamento a pavimento?

Il riscaldamento a pavimento  è un sistema che permette il riscaldamento degli ambienti tramite l’irraggiamento della superficie, emettendo calore in modo uniforme dal basso verso l’alto. 

Al contrario dei termosifoni, la trasmissione del calore avviene principalmente per irraggiamento e non per convezione: si eviteranno così fastidiosi spostamenti d’aria e di polveri, permettendo al calore di diffondersi in modo omogeneo. 

La perfetta distribuzione delle tubature renderà dunque possibile una temperatura molto confortevole, sia negli appartamenti di nuova costruzione, sia per le vecchie case per le quali sono in progetto opere di ristrutturazione e ammodernamento.

È da tenere conto che, per evitare inutili dispersioni e per ottenere il massimo calore nella propria abitazione, è necessario installare il sistema di riscaldamento a pavimento su un solaio ben coibentato. 

Com’è fatto un impianto di riscaldamento a pavimento? 

Normalmente le tubature collocate sono in polietilene o di materiali parzialmente di metallo e di plastica, e vengono posizionate sopra un pannello isolante. 

Quest’ultimo – posto sopra la soletta – presenta solitamente un disegno prestabilito e alcuni incastri che facilitano la posa delle tubature. Il polistirolo sagomato è il materiale con cui viene costruito maggiormente, anche se ci sono casi in cui viene data preferenza al sughero per le sue migliori performance di isolamento acustico.

 Il foglio in PVC rigido, invece, viene abbinato al pannello isolante per renderlo più robusto ed impermeabile, con l’obiettivo di proteggerlo dall’umidità.

 La caldaia ha il compito di portare l’acqua del sistema ad una temperatura compresa tra i 30 e i 40°C, mentre i collettori rappresentano le valvole che consentono di regolare l’apertura e la chiusura del flusso d’acqua calda dalla caldaia alle tubazioni e viceversa.Infine, dovrà essere presente il massetto, cioè lo strato in calcestruzzo che ha funzione riscaldante. 

Perché installare il riscaldamento a pavimento: pro e contro 

Uno dei primi vantaggi che questo sistema di riscaldamento offre è senz’altro di tipo economico ed ambientale.

Seppur sembri strano – poiché le spese iniziali di acquisto sono infatti superiori (anche del 50%) rispetto a quelle previste per i sistemi di riscaldamento classici –  la maggiore spesa è ammortizzabile entro un arco di tempo limitato grazie al risparmio energetico con esso conseguibile. 

Inoltre, un secondo vantaggio è dato invece dalla sua possibile conversione in un impianto di raffrescamento: semplicemente con l’immissione di acqua fredda (anche solo 15-17 °C) al posto dell’acqua calda, si ottiene il risultato di rinfrescare l’ambiente senza gli svantaggi e i consumi energetici collegati ai condizionatori. Si può così parlare anche di un ulteriore risparmio, evitando la spesa per questi ultimi. 

Il terzo vantaggio, infine, è la migliore e più uniforme diffusione del calore. A differenza di quello che accade coi radiatori, il calore si diffonde in maniera omogenea negli interni. E, sempre a differenza di questi, il sistema di riscaldamento a pavimento diminuisce la presenza di polveri, acari e muffe: un vantaggio assolutamente benefico per la nostra salute, soprattutto per chi soffre di allergie.                                                                                                              

Possono essere possibili, però, anche alcuni svantaggi. Per chi è amante e fa uso di tappeti nella propria casa, il sistema di riscaldamento non ne consente l’uso perché la diffusione del calore verrebbe limitata, con un conseguente spreco di energia. 

Inoltre, questo tipo di impianto lavora a una temperatura di 30-40° è che il tempo per raggiungere e la temperatura desiderata è maggiore rispetto ad un sistema tradizionale.

A  livello di costi, la differenza  dei prezzi varia dai 30 euro/mq degli impianti più economici agli 80 euro/mq di quelli più costosi.

Rispetto ad un impianto di riscaldamento tradizionale, il costo non è eccessivamente più caro, ed inoltre si può recuperare facilmente nel tempo grazie al risparmio energetico con esso conseguibile.

Se volete saperne di più, contattateci subito per un sopralluogo o un preventivo gratuito.